Tasse. L’ipocrisia del Governo

Ogni governo, in Italia, è un po’ un governo delle tasse.
Ma questo sembra battere le classifiche.

Complimenti, mentre abbiamo sprechi nella politica, una casta piena di vantaggi e pensioni d’oro con soli pochi anni di frequenza in Parlamento, per far fronte alla crisi internazionale si decide di tassare. Con la comprensione degli elettori che dopo le promesse di non metter mano nelle tasche degli italiani, ora si ritrovano che le mani ce le mettono eccome. Comprensione?! Ecco, vorrei davvero sapere se gli elettori che hanno sostenuto o che sostengono l’attuale maggioranza di governo sono ancora soddisfatti. E se intendono darmi risposta affermativa, vorrei conoscerne le ragioni. Altrimenti si tratterebbe di ipocrisia.

foto Tremonti con occhi sbarrati (img tratta da spi.cgil.it, news 2010)Vorrei soffermarmi ora su un punto. Non mi interessa discutere del contributo di solidarietà sopra ai 90 o 150 mila euro. Nè render noto quanto già chiaro a tutti, cioè che agli evasori nulla cambia… Ciò che mi lascia maggiormente indignato è lo slittamento di due anni alla percezione del Tfr per i dipendenti pubblici. Non è giusto; sono soldi dei lavoratori, vanno loro erogati nei tempi e nei modi stabiliti per la collettività dei lavoratori, e soprattutto ogni ritardo deve essere risarcito almeno degli interessi. E’ una vergogna una simile norma, che potrebbe poi essere addirittura (lo spero!) dichiarata incostituzionale.

A questo punto, forse ne vedremo delle belle perché i dissapori sono già sulla bocca di tutti.
Ma finché la politica non cambia, finché non si punta alla meritocrazia e non si tolgono ingiusti vantaggi esagerati a favore della casta, le cose non cambieranno granché. Secondo me questa è la (brutta) verità che ci circonda, che circonda la pessima politica italiana dei giorni nostri.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Politica. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Tasse. L’ipocrisia del Governo

  1. mauroD ha detto:

    a parte che togliendo i privilegi della casta si cambierebbe il bilancio italiano di circa lo 0,01% e che questo governo ha fatto molto contro l’evasione, ma questo è uno dei governi al mondo che ha aumentato meno e tasse. la norma sul tfr è una norma normalissima, anche aumentare le tasse significa togliere ai cittadini, non c’è alcuna differenza

  2. Loud ha detto:

    @mauroD:
    Non sono d’accordo. Il fatto di togliere i privilegi è questione di etica e morale, vista la rappresentanza che li eregge nelle loro poltrone dovrebbero meglio rispettare il sentimento e pensiero degli elettori. Inoltre, la percentuale che citi dello 0,01 ha delle basi scientifiche? In ogni modo meglio uno 0,01 che nulla, la ratio di tale azione sarebbe giustificata dai consensi dell’elettorato, appunto. Per quanto concerne il Tfr non normalissima come norma, anzi potrebbe resentare incostituzionalità e poi, dai, ti sembra giusto? Almeno che gli dessero gli interessi!! E comunque sono soldi loro, dei lavoratori: perché al dipendente pubblico devono ritornare quei soldi dopo due anni? Non è un investimento in fondo comune, sono soldi dei lavoratori trattenuti in forza di legge, legge che non dovrebbe costituire ora un’inuguaglianza rispetto alla collettività dei dipendenti privati essendo risparmio forzioso da restituire alla cessazione del rapporto secondo le norme del codice civile.
    Sul versante della tassazione, poi, non è vero quanto dici. Le norme fiscali sono proseguite, e proprio gli eventi di questi giorni ne sono la dimostrazione più elevata e contestata. Dai, da che parte e parte ci prendono tutti in giro! Guarda, Camelot – blogger di destra, che stimo anche se a volte io e lui non siamo della stessa idea – affronta l’argomento con molta lucidità, contestando le azioni di questo governo che lui stesso sosteneva perché alla fine dei conti, in questi anni, sta attuando le politiche di centrosinistra che nella precedente legislatura ostacolava (vedi questo link e quest’altro, e via via tra i commenti che si susseguono con interesse nel suo blog).
    Infine, sulla questione dell’evasione, mi dispiace ma il governo c’entra ben poco, perché le norme di recupero fiscale sono pressoché le stesse e non è competenza tanto del governo quanto, piuttosto, degli apparati amministrativi decentrati che, sotto la guida della direzione centrale dell’agenzia delle entrate e anche grazie all’evoluzione della tecnologia informatica, sono riusciti sempre più a svolgere la propria azione di “scoperta” di evasori, incrociando vari dati. Ma non basta, sopratutto perché non vi sono sufficienti controlli costanti. Manca certamente personale (e il non poterselo permettere non è una giustificazione per un paese che salassa i cittadini onesti anziché recuperare fondi dai potenti evasori) ed è molto debole il senso di responsabilità che dovrebbe spingere tutti a fare meglio, oltre che delle regole forti volte a sanzionare chi non fa adeguatamente e correttamente il proprio dovere, sopratutto nel settore pubblico (trattasi di agenzia delle entrate, pubblica amministrazione in generale, giustizia, od altro).
    Ti saluto mauroD, ringraziandoti del commento anche se non lo condivido come da motivazioni esposte 🙂
    Ciao,
    Luca

  3. Loud ha detto:

    [24 AGOSTO 2011 – AGGIORNAMENTO]
    La manovra alternativa a quella che crea tanto chiasso politico? Io l’ho trovata, e ho letto articolo per articolo il disegno di legge.
    Non so se sia la migliore, dovrei leggere attentamente tutte le proposte. Ma questa mi pare segua il buon senso e le promesse fatte da leader del suo gruppo. Razionalizza gli sprechi, spinge verso tecnologie open-source, accorpa enti pubblici, elimina casse mutue poco utili, liberalizza alcuni settori o nelle pratiche commerciali più odiate (es. obbligo di conto corrente presso la banca erogante mutuo), impone riordino delle professioni senza eliminare l’esame di Stato e con formazione continua preferibilmente gratuita, appioppa un contributo di solidarietà ha chi ha goduto di condoni fiscali in passato (vista l’assurdità dei condoni), ecc.
    E soprattutto esige l’utilizzo del potere disciplinare nel diritto di lavoro pubblico, responsabilizzando anche i dirigenti negligenti!
    Con la ciliegina sulla torta: le prime norme eliminerebbero i vitalizi ai politici, wow!!
    Ma tanto, alla fine, verrà approvata una manovra che fa schifo perché chi vota queste manovre ha ben altro per la testaCi si intende vero? 😦

  4. Andrea ha detto:

    Credo che anche gli elettori di centro destra, quelli che hanno venerato Berlusconi fino a ieri, si siano rotti le scatole e siano sul piede di guerra. Quello che mi preoccupa seriamente, al di là dell’essere pro o contro le tasse, è il fatto che tanti non si rendono conto di cosa NON sta facendo questo Governo, nonostante tutto. E cioè tagliare le gambe alle lobby ed alle varie caste, che in Italia ancora imperversano. Non si tratta solo di lobby politica, ma, per dirne una, di “casta degli evasori”. Come può essere credibile all’estero un Governo che fino a ieri giustificava l’evasione, ed oggi addirittura minaccia il carcere? Ad essere onesti, però, ho letto gli emendamenti che saranno proposti da Termonti, e non ci vedo nulla di sconvolgente. Per una volta, mi pare abbiano acceso il bottone del buon senso.
    Vedremo
    Se ti va di passare dal mio blog sei il benvenuto.

    Saluti

  5. Loud ha detto:

    Grazie Andrea, sono d’accordo alla lotta agli evasori e credo anche io che il governo sia poco credibile all’estero (e anche in Italia).
    Staremo a vedere cos’altro s’inventeranno. La cosa migliore sarebbe cambiare completamente le persone della politica attuale. Ma trattasi di utopia, lo so bene.
    Un caro saluto e… certo che passerò molto volentieri dal tuo blog!
    Luca

  6. Jonathan ha detto:

    Ciao Luca come stai?
    Io sono in disaccordo su tutto quello che hai scritto… ovviamente 😉

    Ma che fine ha fatto il tema con l’alberello e la panchina da depressione?
    Cercati un tema decente…
    http://wp.smashingmagazine.com/2011/07/05/free-wordpress-themes-2011-edition/

    Ciao ciccio!!

  7. Loud ha detto:

    Strano Johnny, in disaccordo? Non ci credo!
    Senti, non mi mettere in crisi con ‘sto template, che ho già la crisi della paventata chiusura di questo blog… Che faccio? 😦 … 😀

  8. casino aams ha detto:

    e infatti abbiamo fatto una bella fine di M

  9. casino aams ha detto:

    e poi paghiamo solo noi e i politici? bah

  10. casino aams ha detto:

    è successo il miracolo cmq…ora pagano (anche se poco) anche i politici!

  11. Loud ha detto:

    @casino aams:
    si, ho sentito al tg, staremo a vedere se è azione concreta solo o una bufala per i cittadini (o peggio, una sorta di truffa elegante per via di un futuro aumento di diarie o indennità che di fatto coprano la perdita).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...