Parasubordinazione e/o Precarietà?

SPESSO COMMENTATA DA CHI NON L’HA CONOSCIUTA? A VOI LA PAROLA!

Immagine job-meeting (Professionisti che si stringono la mano)

Chi legge questo blog si domanderà a cosa miri un titolo simile. Ebbene, in questi anni di esperienza nel settore della consulenza del lavoro e degli studi giuridici mi hanno portato, spesso, a varie riflessioni. Certo, a seconda degli approfondimenti e dei momenti storici mi sono trovato dapprima a non apprezzare pienamente il d.lgs. 276/03 (più che altro per la terminologia poco ricercata e non già per il contenuto), fino a riconoscere l’importante tentativo di limitare l’abuso dei Co.Co.Co. mediante la riconduzione a progetti o programmi di lavoro o fasi di essi (perché va riconosciuto, il tentativo è nobile).
Ma andiamo oltre. Normalmente sento colleghi parlare positivamente di questa riforma, di questa “flessibilizzazione” e devo condividirne alcuni aspetti: l’irrigidimento del mercato del lavoro ha chiesto, e in parte ottenuto, un processo di flessibilizzazione. Peccato però che anche qui ci sia stato l’abuso, mediante la creativa redazione di progetti che nascondono, in modo assolutamente evidente, attività di lavoro subordinato. Si pensi ad esempio a pedagogisti presso scuole con progetti legati al ragazzo seguito (progetto?), assistenti alla persona presso strutture sanitarie con progetti legati alla persona assistiti (progetto?), penettieri col progetto legato alla singola commessa (programma di lavoro?), ecc. Dunque, da professioni intellettuali ad attività artigianali; dal progetto intellettuale al progetto edile (ah sì, ho sentito di contratti a progetti anche in edilizia per mansioni tipicamente dei lavoratori subordinati e non certo di collaboratori autonomi).

flessibilità e sicurezza sul lavoro (bmp by blog LaClasseOperia)

E l’autonomia del collaboratore dove finisce? Talvolta non ci si preoccupa nemmeno di lasciarla tra le righe, fissando nei contratti orari di lavoro fissi con disciplina del rapporto rigida e quindi facilmente riconoscibile come lavoro dipendente (se poi ci mettiamo il caso del Committente che irroga un provvedimenento disciplinare al Collaboratore, il gioco è fatto! E la causa vinta, naturalmente).

Contratti a progetto che a volte meriterebbero piuttosto la denominazione di lavoro dipendente a tempo determinato, cioè con contratto a termine, ossia il più grande abuso di cui ho avuto riscontro. Se la normativa vigente (d.lgs. 368/01) prevede la sussistenza di ragioni oggettive per la stipula di un contratto a termine, la prassi è quella di indicare ragioni fasulle o generiche nel contratto allo scopo di non “sposarsi” con un dipendente. Almeno allunghiamo il periodo di prova, no? Ed ecco allora che sempre più senso assumono le proposte di Ichino sull’allungamento del periodo di prova o, ancor meglio, la libera recedibilità dal rapporto di lavoro seppur in un sistema di garanzie e tutele sostanziali ma meno rigide. Perché è questo di cui il mercato potrebbe aver bisogno. Tanto diciamocelo: se un lavoratore lavora bene, non viene lasciato a casa. Ne sono convinto! Ne ho avuto conferma e visione in più aziende. E chi non lavora bene o non si comporta bene, non c’è disposto legale che tenga: e il rapporto finisce.

foto Sacconi (by italianiscostumati.splinder.com) foto Damiano (by zampiro.blog.espresso.repubblica.it)

Ma non soffermiamoci su questi aspetti. Il mio obiettivo è un altro. Quando politici e professionisti parlano di questi contratti di lavoro flessibile, non sanno una cosa (spesso perché loro non hanno mai lavorato con un contratto simile o, peggio, non hanno mai nemmeno svolto attività di lavoro dipendente).
Il contratto di lavoro flessibile, comodo alle aziende, è scomodo ai lavoratori non soltanto per la data di scadenza, ma perché non permette l’accesso a soluzioni di mutuo fondiario, non permette la visione a lungo termine di progetti personali, non permette la realizzazione professionale, ecc.
A questo proposito vorrei APRIRE UNO SPAZIO dove OGNUNO POSSA RACCONTARE il proprio pensiero o, se ne ha voglia, la propria esperienza. A voi la parola! In un prossimo post potrò rielaborare questo discorso tirando le somme proprio sui vostri COMMENTI.

Fatevi avanti!

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Politica. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Parasubordinazione e/o Precarietà?

  1. Pingback: diggita.it

  2. Pingback: notizieflash.com

  3. Gabriele ha detto:

    Per poter valutare se il concetto di lavoro a progetto funzioni bisogna porsi, a mio dovere un quesito: qual’ è la percentuale di casi nei quali viene applicata correttamente tale norma? a mio avviso nessuno! semplicemento è stato escogitato un sistema per aggirare la legge e poter avere per le aziende un dipendente con costi inferiori e ricattabile in modo da abbassare il costo del lavoro. Sicuramente se vogliamo cogliere un aspetto positivo con un lavoratore a tempo la produttività è aumentata (chi non ha voglia di lavorare resta a casa giustamente) il punto è che anche prima dell’ introduzione della flessibilità il datore di lavoro aveva dei mezzi coercitivi, avendo il coltello dalla parte del manico, per eliminare le mele marcie e i diritti conquistati dai nostri genitori erano degli “ombrelli” con i quali ripararsi viceversa dagli abusi dei datori di lavoro tiranni (ovviamente non tutti ma solo chi si comportava scorrettamente).

  4. Loud ha detto:

    Segnalo questo mio commento al post di Giorgia Meloni su ugualianza e merito, perchè concilia con questo mio post sul precariato e, con esso, aggiungo, anche alla stregua del pensiero di Gabriele, che bisognerebbe rendere i contratti atipici più costosi di quello tipico (tempo indeterminato) per non sollecitare le aziende verso i contratti a termine o a progetto; inoltre, bisognerebbe premiare l’autoimpiego di quanti vanno verso l’autonomia o dei dipendenti che davvero mostrano vogliano di collaborare in azienda, anziché preoccuparsi di portare a casa solo lo stipendio, controllando infine coloro che in caso di perdita del posto aspettano in modo furbesco che finiscano gli ammortizzatori sociali prima di cercare davvero un nuovo impiego.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...