Cassazione: utente crea mail fornendo identità non vera? Rischia il carcere

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 46674/07) ha stabilito che chi crea una falsa mail spacciandosi per una persona diversa da quella che è (magari anche modificando il sesso), ingannando gli altri utenti del web, rischia di commettere un reato (p.e p. dall’art. 494 c.p. “sostituzione di persona”) e quindi di finire in carcere.
Precisano infatti gli Ermellini che “oggetto della tutela penale, in relazione al delitto preveduto nell’art. 494 c.p., è l’interesse riguardante la pubblica fede, in quanto questa può essere sorpresa da inganni relativi alla vera essenza di una persona o alla sua identità o ai suoi attributi sociali” e che, prosegue la Corte, nel caso di specie, “siccome si tratta di inganni che possono superare la ristretta cerchia d’un determinato destinatario, così il legislatore ha ravvisato in essi una costante insidia alla fede pubblica, e non soltanto alla fede privata e alla tutela civilistico del diritto al nome”.
I Giudici, nel caso di specie, pur ritenendo ammissibile la possibilità per chiunque di attivare un ‘account’ di posta elettronica recante un nominativo diverso da quello proprio, hanno evidenziato che “il ricorso non considera adeguatamente che, consumandosi il reato ‘de quocon la produzione dell’evento conseguente all’uso di mezzi indicati nella disposizione incriminatrice, vale a dire con l’induzione di taluno in errore, nel caso in esame il soggetto indotto in errore non è tanto l’ente fornitore del servizio di posta elettronica, quanto piuttosto gli utenti della rete, i quali, ritenendo di interloquire con una determinata persona […], in realtà inconsapevolmente si sono trovati ad avere a che fare con una persona diversa”.
Precisa infine la Corte che non è irrilevante il fatto che il contratto non sia intuitus personae (ma fa riferimento alle prospettate attitudini dell’inserzionista) giacché “non è affatto indifferente, per l’interlocutore, che ‘il rapporto descritto nel messaggio’ sia offerto da un soggetto diverso da quello che appare offrirlo, per di più di sesso diverso”.

(Data: 18/12/2007 – Autore: Cristina Matricardi – Studio Cataldi – eccetto corsivi e grassetti)

* * *

Mio breve commento:
C’era da aspettarselo non trovate? Si badi bene che ciò non significata che si commette sempre reato, sappiamo tutti come funziona il web ed il (fantastico) meccanismo del nickname. Però l’utilizzo dello pseudonimo può, in taluni casi come quello di specie, costituire reato. Un nuovo argomento che può far discutere i naufraghi del web. A voi la parola!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Diritto. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Cassazione: utente crea mail fornendo identità non vera? Rischia il carcere

  1. Pingback: pligg.com

  2. Vincenzo ha detto:

    Davvero incredibile… credo che finirò prestissimo in cella!

    Ciao e buon natale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...