Liberalizzazioni tra obblighi comunitari e dissensi nazionali

La polemica sulle liberalizzazioni sappiamo non essersi ancora conclusa. Di rado, però, emerge dalle discussioni l’obbligo comunitario previsto dal Trattato istitutivo della Comunità Europea: si pensi alla libera circolazione delle merci, delle persone e dei capitali – tra le politiche della Comunità – disciplinate dagli artt. 23 e ss. del TCE.

La parola “liberalizzazione”, possiamo osservare, è espressamente sfruttata dal legislatore comunitario con riferimento alla liberalizzazione dei servizi (art. 52), ma è oggetto di tutto il Titolo III (della “Libera circolazione delle persone, dei servizi e dei capitali”). E proprio in ottemperanza degli obblighi presi con l’Unione europea, le liberalizzazioni cominciarono anni indietro. Furono ostentate da alcuni Ordini professionali (come quello forense, tra i più audaci in materia) allo scopo di salvaguardare privilegi acquisiti.

[1] Nel febbraio 2002 due nuove sentenze della Corte di giustizia hanno contribuito a chiarire la portata delle regole di concorrenza nel settore delle libere professioni. La Corte è stata chiamata a pronunciarsi sulla fissazione degli onorari degli avvocati in Italia e su un divieto di autoregolamentazione relativa alle attività degli avvocati in rapporto di collaborazione integrata con i revisori dei conti nei Paesi Bassi. Nella causa Arduino [2], la Corte ha dichiarato che uno Stato membro può stabilire un sistema di tariffe che fissa livelli minimi e massimi per gli onorari se ciò è necessario nell’interesse pubblico (…).

Il ministro Bersani, con il suo recente decreto (D.L. 4 luglio 2006, n. 223, conv. in L. 4 agosto 2006, n. 248), non ha fatto altro che continuare il cammino di liberalizzazione rispondendo ai precisi obblighi comunitari, pena il rischio di sanzioni da parte della Corte di giustizia europea come effetto di una procedura d’infrazione ai sensi degli artt. 226-228 TCE.

Allora perché non sentiamo mai parlare di questo importantissimo aspetto? Perché non aver dato luogo alle liberalizzazioni prima, più in fretta?
Forse per comodità e interesse di alcuni signorotti o, piuttosto, per evitare lo scontro politico con i cittadini (paura e dissenso popolare si comprendono dalle manifestazioni dei mesi scorsi).
Gli Stati membri dell’UE devono osservare le disposizioni comunitarie, arrivando ad attuare un ravvicinamento delle legislazioni (artt. 94-97 TCE) per permettere regole simili in tutto il territorio europeo.
E liberalizzare vuol dire vietare la previsione di tariffari minimi dei professionisti; significa permettere a tutti i cittadini – nazionali o comunque europei – di svolgere una determinata attività economica senza restrizioni (sia nel proprio che in altro Stato sul territorio europeo); ed ancora, significa permettere di aprire le porte del mercato al mercato stesso.

[1] I consumatori e gli operatori commerciali incontrano ancora notevoli difficoltà nel trarre benefici dal mercato interno nei servizi delle libere professioni. Verosimilmente ciò deriva in certa misura dalla regolamentazione statale e dalle norme di autoregolamentazione delle professioni che incidono sulle condizioni di concorrenza. Sebbene presumibilmente l’obiettivo primario di tale regolamentazione sia quello di garantire la qualità del servizio, l’ipotesi è che una parte della regolamentazione vigente produca più costi che benefici. Perlomeno, alcune presunte regole deontologiche vengono mantenute senza alcuna giustificazione oggettiva riguardo ai benefici che possono apportare ai consumatori. Se venissero individuate ed eliminate restrizioni ingiustificate, il vantaggio per i consumatori si tradurrebbe in una maggiore possibilità di scelta e in un migliore rapporto costi-benefici, e i prestatori di servizi avrebbero più spazio per la creatività e l’innovazione e per adeguare le proprie attività alla domanda.

Purtroppo, se consideriamo alcuni avvenimenti come – tanto per fare un esempio in linea con i precedenti riferimenti – il ricorso al TAR da parte dell’Ordine degli avvocati [3] per il “no” del Governo (riuniti i ministeri del Lavoro, dell’Economia, della Giustizia) all’aumento dal 2 al 4% del versamento integrativo di norma addebitato al cliente (diniego volto ad evitare effetti inflazionistici), noteremo come le cose difficilmente, molto difficilmente, potranno davvero cambiare con le liberalizzazioni, a danno dell’economia e dei consumatori.

Vorrei concludere invitando a riflettere sulla necessità (legale e di mercato) delle liberalizzazioni, evitando di opporsi cercando ragioni infondate o insussistenti per ostacolare le liberalizzazioni o far credere che il governo si comporti con dirigismo o intenda arrivare ad una mera deflazione economica.

Luca Lodi

____________

[1] Commissione europea, XXXII Relazione sulla politica di concorrenza 2002, Prima parte, par. 200 e 204, cit.
[2] Sentenza del 19.2.2002, causa C-35/99, Racc. 2002, pag. I-01529.
[3] Cfr. Il Sole 24 Ore, 9 gennaio 2007, sez. Norme e tributi, pag. 31.

Tags: , , ,

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in BlogGoverno, Diritto, Pubblicazioni. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Liberalizzazioni tra obblighi comunitari e dissensi nazionali

  1. Pingback: Anonimo

  2. Johnny ha detto:

    Sulle liberalizzazioni dei mercati sono senza dubbio d’accordo con te (purché vengano fatte con criterio e non in modo selvaggio).
    Intanto hanno tirato via il costo fisso dalle ricariche dei cellulari… ed è già una gran cosa (anche se so già che i gestori aumenteranno i prezzi delle loro tariffe)

  3. Loud ha detto:

    Sono contento di informare amici e lettori che questo mio articolo verra’ pubblicato l’8 febbraio su Diritto.it, in vetrina e nella sezione di Diritto Europeo http://www.diritto.it/indice.php?cat=29

    Ringrazio il direttore e la redazione di Diritto.it
    Luca Lodi

  4. Maurizio Silvestri ha detto:

    Ripeto quanto ho risposto sul mio blog: le liberalizzazioni sono senza dubbio una cosa che va fatta. Gli obblighi comunitari vanno rispettati. Non discuto su questo, ovviamente il Governo sta facendo cose giuste. Io dico solo che ci sono cose più urgenti da fare. Pima di liberalizzare le piccole lobby, perché non andiamo ad intaccare le grosse lobby? Banche, assicurazioni, telecomunicazioni. Insomma il senso del mio post è: ok si sta andando bene, ma mi pare che si stia facendo il *minimo* indispensabile. E sono buono. Infine le liberalizzazioni portano certamente benefici al mercato, ma occorre che ci siano organi di controllo seri e decisi. E questo mi lascia perplesso (vedi ad esempio il caso CONSOB e azioni Parmalat o AGCOM e Wifi).

  5. Kalogero ha detto:

    ciao luca, grazie per avermi chiesto un parere riguasrdo le liberalizzazioni.
    Innanzitutto visto che la cosa viene richiesta dall’Unione Europea non ha neanche senso chiedersi se sia il caso di procedere o meno a tale obbligo, cioè bisognerebbe procedere e basta.
    Aparte ciò vorrei ricordare ai nostri politici che si dichiarano di destra de cose:
    1: la camera dei fasci e dele corporazioni e il controllo super statalista del’economia è decaduta nel 19443 nel sud Italia, al nord (liberao dopo) nel 1945.
    2) da che monbdo e mondo i politici appartenenti alla destra o comunque non di sinistra già da fine 800 predicavano il liberismo economico senza se e senza ma!
    liberismo in tutto ciò che potesse arrecare un profitto,

  6. Kalogero ha detto:

    2/2
    in ogni campo dell’economia.
    Non riesco proprio a capire, per quanto mi sforzi, come mai proprio ora la destra reazionaria si fa portavoce di interessi di categoria e strettamente “di classe” (ironia della sorte, utilizzano proprio una parola marxista!) invece di pensare a ciò che farebbe funzionare meglio il mercato!
    D’altra parte è chiaro che la sinistra potrebbe e dovrebbe fare di più ma siamo solo ad inizio legislazione, diamo tempo al tempo!
    almeno questo governo ci sta provando a fare qualcosa di sensato, anche se parte dalle piccole “lobby”.

    Da parte mia credo che dovrebbe essere il mercato (coe del resto quasi sempre è) a decidere se un provvedimento prettamente economico come quello di cui in oggetto) si rivelerà giusto o errato.
    In tempi di globalizzazione e di emersione di giganti economici è forse tempo di pensare mediante orizzionti mentali più ampi, senza farsi rinchiudere e catrarare la logiche meramente di categoria.

  7. Loud ha detto:

    Ringrazio Pino Paolo Spataro per la pubblicazione dell’articolo su LiberaOpinione.it
    http://www.liberaopinione.it/006233.asp?rif=85

    L.L.

  8. Loud ha detto:

    Ieri l’articolo è stato pubblicato in vetrina su Diritto & Diritti, come anticipato 🙂
    http://www.diritto.it/art.php?file=/archivio/23486.html
    Rinnovo i ringraziamenti al direttore della testata giuridica.
    L.L.

  9. Pingback: Tariffe RC Auto aumentano: colpa del decreto Bersani? at Luca Lodi .it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...